sabato 24 ottobre 2020zona 2

Nessi

Studio C

artisti

Giovanni Calvi, La centrale edizioni, Sandro Cristiani, Concetta Modica, Sophie Usunier

a cura diStudio C

INFO

via Vincenzo Russo, 12 

Dalle 15.00 alle 21.00

sinossi

Un’opera, un libro, un abito, un dispositivo per elevare. Ubuntu: ciò che io sono dipende da ciò che tutti siamo. 

descrizione

Ubuntu: ciò che io sono dipende da ciò che tutti siamo. Modica invita per Walk-In Studio progetti che hanno a che fare con questo concetto. 

“Racconto Di20” è un progetto realizzato insieme a Sophie Usunier, durato 3 anni, in cui tanti artisti e artiste hanno raccontato una loro opera in 20 minuti, lasciando agli ascoltatori la libertà di disegnare, invertendo così i ruoli di artista-spettatore. Tutti i disegni sono stati raccolti in un grande libro presentato in studio durante questa mostra, edito nella collana “la c.”.

La serie di libri d’artista “la c.”, esposti insieme per la prima volta, è fatta della materia di cui sono fatti i pensieri: sono pubblicazioni, frutto di collaborazioni multiple, edite da la centrale edizioni, “un nome collettivo senza scopo di lucro, fondato in Sud Europa nel 2018”. Libri dai dorsi colorati, immaginati come scultura multicolore, come un’unica opera in progress, contenente progetti, disegni, desideri, parole, passato e futuro di tanti e tante. Una colonna portante, come una sorta di sintesi dello scibile artistico. 

Un dispositivo per sostenere, un piede che tiene sollevata la torre colorata di libri, li separa da terra, li alza al cielo, dialogando con la scultura di libri. Un dispositivo magico, non visibile, realizzato dal designer Giovanni Calvi, ceramista che si confronta con il tema del piedistallo, mettendosi in dialogo con libri, artiste e artisti. 

Infine un abito color carta da zucchero, cucito da Sandro Cristiani, sarto milanese, che lo accompagna dal 1967, anno in cui lo ha confezionato e che quando ha voglia indossa ancora oggi, visto che le sue misure sono tornate come quelle di una volta. Il cambiamento che il tempo non ci risparmia e la permanenza di un oggetto che ci segue, tornano nella vita e si rincontrano, riprendendosi e allontanandosi come il gesto del cucire. Sandro ricama sempre la data all'interno sulla fodera dei suoi abiti di grande qualità, direi opere. I suoi e i nostri lavori sono fatti di incontri, misurazioni, confronti con le persone, di desideri e di corpi che si incontrano e tornano.

Studio C

Galleria fotografica

Galleria articoli

Studio C