L’issue 00

di Federico Poni

Dai Piccolo - Edicola

mercoledì 21 ottobre 2020

Zone: 5 - Vigentino, Chiaravalle, Gratosoglio

La sparizione delle edicole non è avvenuta in una data precisa. Ok questa è un'affermazione un po’ esagerata ma la funzione del luogo edicola è molto variata negli ultimi anni, direi anche persa. La digitalizzazione ha portato l’attributo “obsoleto” ai chioschi presenti in tutti i quartieri e paesi, i chioschi dove son passate tutte le informazioni che han scritto la storia del globo sui quotidiani, i magazine per ogni hobby, oggetti per ogni collezionista, biglietti per ogni viaggio e anche giornaletti per ogni gusto. L’edicola era il luogo dove l’informazione si trasformava in cultura.
Il Dai Piccolo è una casa/laboratorio e per Walk-In Studio 2020 si mette delle vesti editorial-popolari trasformandosi in una edicola. C’è un principale filo conduttore tra le opere esposte ed è la carta. La maggior parte dei progetti esposti sono il riflesso della nostra complessa cultura e sebbene le opere abbiano tutte un'estetica differente le lega uno sguardo popolare, oltre che la carta.
Le pubblicazioni di BOLO Paper giocano tra una estetica meme, povera e di giochi di parole che si tramutano in una serie di immagini dove scende in campo il remix pop. L’immagine povera spesso regna sovrana nelle stampe presenti in Edicola e il progetto post-fotografico di Francesca Mele ne è un chiaro esempio: immagini bloccate da instagram rinate sulla carta. La grana grossa e la politica del pixel: come un virus si propagano violente tramite i getti di una stampante: “Siamo immagini in cerca d’autore [...] Scartate per la nostra eccessiva grana” si legge sul lavoro di Autonomia Artistica. L’attitudine punk della fanzina viene violentemente mostrata con i lavori de Il Buco e Rapsodia Botanica, con riflessioni sull’antropocene e sui movimenti di una politica antagonista un po’ diluita ma che resiste e si propaga con la cellulosa rilegata. Ci si sposta su un piano introspettivo e più privato con Ayanta Noviello ed Es.Pongo e si conclude con Carlo Marcuccy che propone una pratica capovolta, dove magazine e giornali vengono privati della loro funzione mettendoli sottovuoto e sotto resine elevandoli ad oggetti di culto, una fine tragica.
La prima edizione di Edicola viene accompagnata da una fanzine-catalogo nella quale si possono trovare dei cruciverba creati ad hoc: l’issue 00 di Ottobre 2020 è un tentativo positivo di rilancio di un materiale povero come la carta.